Intervista a Max Casali per il nuovo disco “St3rzo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Dal 4 giugno Max Casali torna sulle scene con il suo nuovo album St3rzo.  13 brani per il cantautore romano: 11 inediti e due “ripescaggi” dal precedente album, ossia “Arsenio Lupin”, inserita come ghost-track, e la bonus-track “Popolo di maghi”.

Max Casali è un cantautore, promoter musicale e speaker radiofonico classe 1962.

Vasta esperienza nel settore e fitto passato artistico con totale dedizione verso la musica in tutti i suoi aspetti (dal collezionismo, allo scoprire potenziali talenti, all’essere speaker ed organizzatore di concerti per artisti emergenti, ad intuire nuove tendenze artistiche)

Da alcuni anni è anche uno stimato recensore musicale e compone testi cantautorali, con temi che vanno dal sociale al fantasioso.

Come cantautore ha all’attivo tre album: “Per certi versi” (2011), “Secondo a…nessuno!” (2016) e “St3rzo” (2021) che lo hanno messo in luce come apprezzato paroliere.

 

  • Ciao Max e benvenuto su Mychance.it! Oggi vogliamo parlare con te del tuo nuovo album “St3rzo”, qual è la direzione che vuoi prendere con questo album?

Una direzione socialmente utile, in quanto provare a far quadrato permette alle persone di non alimentare solo chiacchiere di quartiere o semplicistiche ma compattarsi in un discorso di reazione, il quale senza di questo siamo solo dei soggetti passivi ed inclini all’apatia.

  • Cosa ti spinge a scrivere canzoni?

Un senso di totale libertà espressiva, senza che nessuno possa mettere il dito sulle cose che dico; poi onestà scritturale e schivare l’incombente pericolo della banalità che proprio non mi appartiene come modus-vivendi…per carità!

  • Qual è la canzone che hai scritto per prima tra queste?

Tra quelle nuove “ContenuDi” che ho avuto l’occasione di avere ancora a sostegno il celebre Valerio Carboni, ormai lanciato nel mondo dei Big. Poi, “Segnali di noi(a) e, per ultimo, invece, “Tanto pubblico”

  • Parlaci dell’album, cosa rappresenta per te?

E’ un album che più gira e più riesci a coglierne l’essenza. Insomma, un lavoro con un motore “diesel”,  alimentato da tematiche sociali forse un pò forti ma necessarie per far ritrovare analisi critica e fiducia nelle persone, attraverso scossoni testuali. Però non mancano anche episodi ironici e d’evasione, eh?,

  • A chi dedichi queste 13 tracce?

Dedico a tutta la gente che sente di soffrire per stagnare in una prospettiva poco rosea ed edificante e che non riesce a ritrovare autostima. Ebbene, la mia sirena d’allarme è insita in tutto ciò che dico, senza traccia di retorica o populismo.

Speranza ed azione non vanno mai obliate, altrimenti faremo sempre l’interesse di chi vuole la nostra rassegnazione per non ritrovarsi compatti e combattivi, disturbando, cosi, i loro piani d’interesse.

Link Social – Max Casali:

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCNAG6TD6mqIWDxo-asiOzfw/
Spotify: https://open.spotify.com/artist/3lCJdfZ8whSbJczk1drTMF?si=ZNV3YFPCRjepypEElufsGg