LA FAMIGLIA ADDAMS 2: TORNA AL CINEMA LA FAMIGLIA PIU’ STRAMBA DEL MONDO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin

Virginia Raffaele (Morticia), Pino Insegno (Gomez), Eleonora Gaggero (Mercoledì), Luciano Spinelli (Pugsley) e Loredana Bertè (Nonna Addams) tornano a dare voce ai componenti della famiglia più stramba dell’Universo.

In questo secondo episodio Morticia e Gomez vivono con turbamento la fase adolescenziale dei loro figli, Mercoledì e Pugsley, che crescendo si mostrano sempre più indifferenti alle cene di famiglia e sempre più interessati ai loro passatempi mostruosi.

Per recuperare il rapporto decidono di organizzare un viaggio in camper che coinvolga tutta la famiglia, tranne Nonna Addams che resterà a fare la guardia alla grande casa dove troverà il modo di spassarsela.

Con l’orribile camper stregato, gli Addams si avventurano nei luoghi d’America più terrificanti, dove insieme a zio Fester ed al cugino IT vivranno spaventose avventure durante le quali, però, verranno turbati dalle stranezze di Mercoledì che si sente profondamente diversa dai suoi genitori.

Come mai è tanto infastidita dalle loro egocentriche manifestazioni d’affetto? E chi sono i due sconosciuti che li seguono minacciosi?

AL CINEMA DAL 28 OTTOBRE

IL VIAGGIO DELLA FAMIGLIA ADDAMS
Quando MGM ha accettato di “resuscitare” la famiglia Addams per un nuovo film d’animazione, il team era entusiasta di far conoscere questo clan adorabilmente inquietante, eccentrico, misterioso e spettrale a una nuova generazione. Non sapevano che il primo film sarebbe stato un tale successo, non solo tra i giovani che non vedevano l’ora di andare al cinema, ma anche tra i fan originali con una vena di nostalgia.
In effetti, MGM era così entusiasta de La Famiglia Addams – dopo il successo del primo capitolo – che mettere insieme il secondo film è stato elettrizzante, afferma la produttrice Gail Berman. Ma le tempistiche ristrette hanno reso tutti più determinati che mai a creare un prodotto straordinario. E ha aiutato il fatto che tutte le persone coinvolte abbiano davvero amato il primo film e gli Addams.
“Ci siamo mossi molto velocemente”, dice Berman. “Tutto il cast voleva tornare a farne parte. Hanno adorato lavorare con [il regista] Conrad Vernon e anche i fratelli Danna volevano ritornare a creare le musiche del film. Pensavamo di potercela fare, ma dovevamo trovare una sceneggiatura che funzionasse. Creare grandi storie è difficile. Ma poiché Mercoledì è un personaggio davvero forte, siamo stati in grado di concentrarci molto su di lei”.

I sequel non sono mai facili, ma nel caso de La Famiglia Addams, trovare una prospettiva nuova ed innovativa per qualsiasi reinterpretazione era particolarmente impegnativo. Come creare nuovi scenari pur mantenendo il Gomez, Morticia, Mercoledì, Pugsley, Zio Fester che il pubblico ama?

Per il regista Conrad Vernon, che ha anche diretto il primo film, era importante creare una storia che operasse su più livelli. “Ho sempre cercato di intrattenere tutti”, dice. “Ci sono genitori che mi dicono sempre quanto si divertano a guardare La famiglia Addams con i loro figli. E ho fratelli che hanno dei figli, che sono sempre felici di guardare delle cose che piacciono anche a loro”.
“Abbiamo ascoltato diverse idee da diversi autori diversi, e questa è quella che ci ha colpito di più. Abbiamo avuto un gruppo di autori e sceneggiatori fantastico, tra questi Al Gough e Miles Malar, che sono anche gli autori di Wednesday per Netflix”, dice Berman. Il team ha iniziato a esplorare l’idea di dividere una famiglia così unita. Quali tipi di situazioni, interne ed esterne, avrebbero potuto causare stress a questo clan incredibilmente leale? “Volevamo iniziare a comprendere le lotte interne che ogni famiglia deve affrontare, e gli sceneggiatori hanno pensato che sarebbe stato davvero interessante giocare con l’idea di cosa sarebbe successo se Mercoledì non fosse una Addams. E questa intuizione ci ha davvero regalato una bella storia”, dice Vernon. Sul fronte letteralmente esterno, la Famiglia Addams ha sempre dato il meglio di sé nelle sue
interazioni con i “normali”, ovvero le persone comuni non interne alla famiglia. Quindi un viaggio attraverso il paese è stato il modo perfetto per facilitare non solo le interazioni con le persone normali, ma anche gli incontri con persone di stati diversi e di tutti i ceti sociali. Ma portare la famiglia Addams fuori dalla loro casa, che è fondamentalmente un altro membro della loro famiglia, è stato rischioso.
“Una delle cose grandiose della famiglia Addams, se non la cosa migliore, non è solo il loro essere strani, ma l’essere strani in relazione alle altre persone. E abbiamo pensato che sarebbe stato divertente portarli in luoghi in cui molti tipi diversi di persone potessero interagire con loro”, afferma Berman. “L’idea di portarli in viaggio era così deliziosa, ma come potevamo far loro lasciare quella casa? Il modo migliore per farlo è stato essenzialmente quello di mettere la casa nel camper”. (Anche se hanno lasciato la nonna a casa in modo che avesse anche lei la sua storia). E gli Addams non sarebbero gli Addams senza quelle peculiarità inaspettate che hanno deliziato il cast mentre leggeva la sceneggiatura. “Penso che se mai avessero un camper, questo sarebbe il camper più Addams del mondo”, afferma Moretz. “Prima di tutto, l’aspetto in generale è scuro, è spettrale, è scricchiolante, è come se la loro casa avesse le ruote. E c’è un forno crematorio. Non puoi farne a meno. Devi sempre averne uno mobile per ogni evenienza”.
Sia Moretz che Theron sono rimaste affascinate dall’animale domestico di famiglia… il tipo di felino che non si adatta propriamente ai viaggi. “Le persone di solito portano in viaggio un cane o anche un gatto, ma ovviamente gli Addams hanno un leone enorme”, dice. Aggiunge Theron: “Voglio dire, ovviamente Kitty sta seduto dietro, perché quando vai in viaggio devi riempire il sedile posteriore con un leone enorme”.
Mercoledì (Eleonora Gaggero), una psicotica impassibile ma in tutto e per tutto un’adolescente, fornisce l’impulso per questo viaggio on the road. Alla fiera della scienza della sua scuola scopre come fondere il DNA del polpo con il DNA umano (usando lo zio Fester come cavia, cosa che conferisce una vena comica a tutto il film). Quando il famoso scienziato Cyrus Strange loda Mercoledì, lei viene distratta dalle buffonate della sua famiglia che rovinano l’atmosfera, per usare un eufemismo. Come può essere questa la mia vera famiglia, si chiede. Il sempre amorevole patriarca, Gomez, interviene con un’idea: la famiglia stringerà i rapporti durante un viaggio!
Mentre la famiglia è in viaggio, alla ricerca di luoghi turistici con le loro bravate selvagge, Mercoledì sta ancora cercando di ritrovare se stessa. Per quanto strana e stravagante sia Mercoledì, la sua alienazione è universale: gli adolescenti spesso non si sentono al proprio posto. Come al solito, la famiglia Addams si dimostra tanto riconoscibile quanto unica. (La maggior parte degli adolescenti deve prendersi cura dell’animale domestico di famiglia, ma non c’è un sacchetto per la cacca abbastanza grande per un leone).
Al contempo, Pugsley sta vivendo la sua ricerca interiore, cercando di imparare le vie dell’amore.
Sfortunatamente ha zio Fester come maestro, che non solo è innamorato perso, ma si sta anche lentamente trasformando in un polpo, con tentacoli e tutto il resto.
Entrano in gioco incredibili scene di combattimento, ogni stravaganza degli Addams e una gigantesca creatura marina. E gli Addams dimostrano che la famiglia è la migliore filosofia – con qualche asso nella manica per tenere il pubblico con il fiato sospeso. Il pubblico ha imparato ad amare tutti questi personaggi e rimarrà sorpreso dalle new-entry, ma una delle cose che continuerà a divertire le persone sarà l’umorismo che gli scrittori sono stati in grado di portare al film.
Creare un film è difficile. Creare un film d’animazione richiede ancora più sfumature. Ma creare un film d’animazione durante una pandemia?
La produttrice Alison O’Brien è stata incaricata di coordinare tutti i pezzi del puzzle, dai contatti con la casa di animazione ai dettagli più ampi delle schedule e del budget complessivo, fino al numero di inquadrature, il numero di personaggi, gli effetti speciali e il tipo di risorse necessarie per metterlo insieme in un certo lasso di tempo.
“L’animazione richiede sempre più tempo perché stai realizzando un film un fotogramma alla volta. Per questo devo ringraziare tutte le persone coinvolte per aver mostrato davvero la loro professionalità, il loro talento e la loro abilità nel realizzare tutto questo in tempi record”, afferma Vernon.
Il cast era così entusiasta di essere coinvolto in un sequel della famiglia Addams che tutti hanno deciso di stare al gioco”, afferma la produttrice Danielle Sterling.
Se creare un film in live-action è come cucinare, aggiungendo un pizzico di ingredienti qua e là mentre ci si adatta a ciò che si desidera dal prodotto finale, assemblare un film d’animazione è più come cuocere al forno: una scienza esatta. Devi misurare attentamente tutti gli ingredienti affinché le combinazioni chimiche ti diano quello che vuoi. È molto difficile da modificare lungo il percorso. Quindi devi essere sicuro che il mezzo funzioni. “Pensavo che fare un film animato sulla famiglia Addams gli avrebbe dato una nuova vita”, dice Vernon dell’idea iniziale di reinventare il franchise. “Ma credevo anche che potessimo usarlo per rendere omaggio all’originale di Charles Addams, una nuova versione che rendesse omaggio alla primissima versione. E ho pensato che fosse abbastanza interessante anche presentare questa famiglia a una nuova generazione”.
“Penso che questo franchise animato funzioni davvero bene per i bambini piccoli. E non penso che sia affatto spaventoso per loro. La storia potrebbe magari risultare un po’ spaventosa, ma funziona davvero bene per le famiglie”, afferma Berman.
Animatori e designer hanno dovuto lavorare in sincronia da tutto il paese, anche in tutto il mondo. Era come se stessero facendo il loro viaggio insieme agli Addams, ma attraverso l’autostrada dell’informazione. E molte persone che hanno lavorato al primo film erano disponibili e sono state coinvolte.

 

 

LA FAMIGLIA ADDAMS – I PERSONAGGI

Gomez Addams
Gomez è cortese, carismatico e malizioso. È dedito ai suoi figli, follemente
innamorato di sua moglie Morticia – e anche un po’ pazzo. I suoi modi
preferiti per rilassarsi sono delle ganasce serrate sulle sue tempie e un
vigoroso duello di spade.

Morticia Addams
Dark lady dei sogni di Gomez, Morticia è devota alla sua famiglia e gestisce
casa Addams. Dal carattere particolarmente calmo, non ama molto gli
scherzi. Ha reso celebre il look gotico ancora prima che andasse di moda.

Mercoledì Addams
La piccola nube tempestosa di Morticia e Gomez, le abilità di questa
reginetta dello shock includono gli agguati, le scorribande notturne e il
tormentare il suo amato fratello minore. Mercoledì sta per affrontare la sua
sfida più orribile: la scuola media.

Pugsley Addams
Un inarrestabile inventore di trappole diaboliche e iperattivo bambino di
dieci anni, particolarmente minaccioso. Pugsley si diverte, senza successo, a
disseminare trappole esplosive per sua sorella e suo padre.

Zio Fester
Pelato fratello di Gomez e zio pazzo della famiglia Addams, Fester illumina
ogni stanza in cui entra – letteralmente, perché è carico di elettricità e può
accendere una lampadina semplicemente mettendola in bocca.

Nonna Addams
Mamma di Gomez ed esigente suocera di Morticia, la nonna è una
viaggiatrice del mondo, con una verruca sul naso e un bagliore stravagante in
un occhio. Le piace barare quando gioca a carte e offre ai bambini le
caramelle che tiene tra le dita dei piedi.

Lurch
Il fedele maggiordomo della famiglia con il corpo di un mostro e l’anima di
un poeta. Gli piace suonare i tasti d’avorio di un organo antico ed è
conosciuto e amato per il suo saluto allegro ai visitatori di casa Addams.

Mano
Mano è un misto tra un amato animale domestico di famiglia, un cameriere e
un assistente personale. Immensamente gentile, sebbene non parli (essendo
solo una mano) è sorprendentemente comunicativo.

Cugino IT
Non si separa mai dai suoi iconici occhiali scuri e la bombetta… Cugino IT è
lo stiloso della famiglia. Anche se il suo modo di parlare è incomprensibile a
tutti, la famiglia Addams lo capisce perfettamente. Di certo, dove c’è lui si fa
sempre festa!

Contatti e social

Patrizia Gallini